adinsiemelink

La Bohème


E' nell'inganno
e... su di una misera ostia
che avrei liricato l'opera
se non mi avessi confidato
il tuo spinoso decalogo d'amore.
Ma intanto negli atti
tra un grido e un canto
mi aggrappavo al velluto
al mio arabesco sipario
desertavo i cuscini
e sulla nuda pianura
e i tuoi languidi fili
accarezzavo i brividi...
Sfidavo le tue prese mentre
prigioniera ed invaghita
dei tuoi occhi ne ero la preda.
Servivo i petali
strappati al gelo
contavo i rintocchi e fuggivo
agli spasmi deliri
ed esausta poi 
al buio mi accasciavo.
In assenza di me
prosto il vuoto alle notti ora.
Di squarcio lamento le stelle
scompongo i miei aridi tessuti
mi tramonto più che posso 
mi annullo
sostengo la croce...
canto la Bohème...la Bohème
un ossessione delle mie notti bianche
e sulle note stridule
di offese lame di violini
mi spezzo il cuore
davanti al nulla...al mio sterile canto
e con l'anima cucita sotto il cuscino
m'abbandono..mi piego a terra..
mi paralizzo... mi congelo
e mentre sostengo l'inchino dolore
servo impietrita e muta
le pieghe indegne
dell'amore perduto

Catherine La Rose©2009
 Opera by Ernesta GALEONI

Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy